arrow-down-01arrowscalendarcheck-iconclockclose-iconconnexionemailexcel-iconfacebookforward-iconglobelinkedinmagnifieropen-bookquestion-markshopping-bagtweeterwrite-icondeconnexion

111 anni al servizio delle persone con disabilità visiva

Cooperazione National

L'11 novembre, la Federazione svizzera dei ciechi e degli ipovedenti (FSC) ha festeggiato a Soletta il suo 111° anniversario.

A nome di Lions Svizzera - Liechtenstein, il presidente del Consiglio Egon Steiner si è congratulato e ha consegnato un assegno di 30.000 franchi svizzeri al presidente della FSC Roland Studer.

La più antica organizzazione nazionale di auto-aiuto nel settore dei disabili visivi è impegnata a garantire che le persone con disabilità visive possano partecipare in modo autonomo e paritario alla vita sociale.

Dal 2017 i Lions Svizzera - Liechtenstein sostengono attivamente la FSC: in questo modo è stato possibile realizzare progetti come il modello aptico del Palazzo federale o la Giornata della canna bianca sulla Bundesplatz di Berna. Un altro progetto, il modello aptico dell'ONU a Ginevra, sarà realizzato l'anno prossimo, quando i Lions celebreranno il loro 75° anniversario.

111 anni fa veniva fondata a Losanna la Federazione nazionale dei ciechi, in seguito ribattezzata la FSC. In quel periodo i ciechi riconobbero per la prima volta la necessità di unirsi per difendersi da possibili pericoli e tendenze paternalistiche.

Informazioni sulla FSC

Il lavoro in rete e il coinvolgimento paritario in tutti i settori della società sono stati gli obiettivi guida dell'associazione fin dall'inizio. Oggi la FSC è la più grande organizzazione nazionale di auto-aiuto per ipovedenti. Come organizzazione basata sui membri, è rappresentata da 16 sezioni in tutte le parti del Paese. La FSC offre alle persone colpite un sostegno concreto nella vita quotidiana attraverso centri di consulenza, centri di formazione e di incontro o corsi. Inoltre, esercita pressioni sulle imprese e sulla politica per l'eliminazione delle barriere e il pieno accesso autonomo delle persone con disabilità visiva. Esempi attuali sono le richieste di partecipazione politica indipendente (voto elettronico) e di fruibilità senza barriere dei servizi digitali.